Blog

Ho scritto la poesia A TE nel 2013, dopo un accadimento molto importante della mia vita. Nel 2014, con mia grande sorpresa vinse il primo premio a un concorso. Nel dicembre 2005 mia figlia  aprì la porta di casa, senza salutare, entrò insieme a un’amica. In silenzio fece le sue valige, sotto i nostri occhi svuotò tutti i mobili delle sue cose e le mise in alcuni sacchi alla rinfusa. MI ricordo ancora suo padre

Spazio Nerudo presenta il corso di Kinesiologia Biointegrata che si svolgerà presso la sede  di Milano, Via Giuseppe Pecchio, 18 a partire da aprile 2018. Per informazioni e iscrizioni tefonare al   333.7642474   oppure scrivere a segreteria@nerudo.eu La kinesiologia applicata rappresenta, nell’ambito della Medicina Biointegrata, la chiave di lettura di molte situazioni, il mezzo che permette di giungere agevolmente alla definizione di una diagnosi e della
Per chi vuole praticare sport  è molto importante dedicare attenzione alla preparazione del corpo ad affrontare lo sforzo fisico in modo funzionale, non solo

                                 Cos’è Protectio?

Protectio è la campagna per la prevenzione e la risposta alle affezioni del periodo invernale promossa dai Naturopati e dagli Operatori di Medicina Tradizionale Cinese e Medicina Ayurvedica dello Spazio Nerudo. Vishudda, Chakra della Gola è il “Nodo” da cui partono e a cui arrivano tutte le connesioni riguardanti gli organi deputati al: respiro,  voce, odorato, ascolto, uso della parola, e alla regolazione metabolica energetica del nostro organismo. La sua energia parte

La medicina risana l’anima attraverso il corpo, la musica risana il corpo attraverso l’anima” (Giovanni Pico della Mirandola).

Le proprietà vibrazionali del suono dell’Arpa a cui si aggiungono i benefici del lavoro energetico dello yoga.
Un incontro straordinario con Silvia Maserati, arpaterapista e Silvia Dal Col della tradizione Yogica Himalayana.
Sabato 2 dicembre alle 10,30 Spazio Nerudo, Via Giuseppe Pecchio, 18 zona Loreto a Milano
il costo dell’evento è di €. 15.
Per informazioni e

Spazio Nerudo vi invita al:

 

Corso teorico pratico per imparare a suonare

le Campane Tibetane Armoniche

Domenica 26 Novembre, 2017

dalle ore 10.00 alle 13.00 e dalle ore 14.00 alle 17.00

Il corso è aperto a chiunque desideri imparare a suonare le ciotole tibetane e conoscere le potenzialità del Suono Armonico.

Ammiro chi sa rendere migliore  lo spazio della sua esistenza e agisce senza scorciatoie e nascondigli, Sono come sospinti da un fuoco ideale che li rende vivi. In un confronto tra Davide e Golia le persone coraggiose ci lasciano eredi del senso della possibilità. Loro ci mostrano scenari di realtà inaspettata Tante lotte passano sui visi della gente, le scorgi se le guardi negi occhi perchè scavano solchi di umida speranza.  Nel tempo Mi sono

La tecnica del Tapping kinesiologico viene utiizzata da anni dai professionisti che lavorano al  Centro Nerudo al fine di  migliorare la postura e le condizioni di rigidità muscolari causate da movimenti disarmonici, posture scorrette e rigidità di movimento. Il Tapping Kinesiologico è una metodica di intervento sul corpo studiata e commercializzata negli anni ’70 dal chiropratico ed agopuntore giapponese Kenzo Kase. Il Tapping kinesiologico fa uso di bendaggi elastici in cotone, detti Kinesio

L’India, nella sua visione della vita ha sempre considerato la realtà parte di qualcosa di molto più grande. Ogni “sistema” sia esso: l’Uomo, la Natura, la Terra, o l’Universo è percepito in  costante dialogo e in silenzioso interscambio con gli altri “sistemi”. Su queste premesse sono state fondate le arti curative indiane più di 5000 anni fa, così ha preso forma l’Ayurveda, arte terapeutica le cui

Quando si affrontano discorsi sulla perdita si tende a pensare esclusivamente alla morte, vorrei evidenziare che l’elaborazione del lutto comprende un ben più vasto campo di significati: un genitore che si separa, la perdita della propria casa, il trasferimento in un’altra città o semplicemente lo smarrimento del pelouche preferito

253

Domanda-Può un essere umano comune arrivare a superare la visione degli opposti? Teoricamente e a livello matematico con la Relatività di Einstein (spazio-tempo) e con la Meccanica quantistica con Heisenberg, Bohr, Stapp e altri, si è arrivati a riconoscere l’unicità di alcuni elementi come, per esempio, l’onda e la particella. Una mente umana, obbligata da limiti strutturali, cognitivi ed esperienziali, come può andare oltre il suo “conosciuto” per “vedere” lo sconosciuto? Se si, come può

Il gioco infantile è lo spazio dove depositare e intrecciare contenuti interni ed esterni e con il quale il bambino impara a conoscere l’esistente e ad interpretare l’esistenza. E’ un impulso che nasce dal concetto del Principio di piacere il quale, col tempo, origina nel bambino una graduale organizzazione di eventi emotivi interni e realtà esterne interiorizzate. Gli eventi interni ed esterni maturano e riflettono i loro significati nella manifestazione visibile del gioco.

L’arteterapia, riconosciuta come una metodolgia di grande valore nel supporto terapeutico odierno, ha mosso i suoi primi passi già nella Grecia antica.  La tragedia greca aveva, infatti, una funzione catartica e alla musica era attribuito il potere di ammansire gli animi inquieti. Freud è stato uno dei primi studiosi della psiche umana a dare grande risalto all’arte, lui stesso era amante della scrittura e della letteratura, tanto che diventare scrittore era un sogno che sperava

In un progetto che avevo presentato al Besta per l’accoglienza e il trattamento delle disabilità, insieme a tutta una serie di tecniche di training cognitivo e affettivo, avevo inserito metodologie che comprendevano varie attività mirate al miglioramento psico-motorio di persone  affette da  patologie, che colpiscono, a vario grado e in modo differente, la relazione tra cervello e movimento. Sappiamo quanto sia importante l’affettività nella vita di ognuno di noi; in chi soffre di questo tipo

La continua ricerca di appagamenti momentanei ed esteriori, la difficoltà nell’accettare l’impermanenza delle cose e la focalizzazione del proprio Io come centro universale ha inevitabilmente causato frustrazioni e sofferenze, riconoscendo che l’io non esiste riconosciamo che anche il mio è una parola senza sostanza ( Nagarjuna, 2° secolo d.C. ). Questo precetto fondamentale nella filosofia buddhista nel nostro caso segue un’ interpretazione meno dogmatica e più aperta alla finitudine di un Io che lascia il

La parola inglese “Entanglement” può essere tradotta in italiano , con il termine “intreccio“. È un fenomeno fisico-quantistico la cui definizione appropriata riporta a un legame “indissolubile” tra particelle, (principalmente fotoni), correlate o venute a contatto tra loro. Esse presenteranno un legame inscindibile anche a considerevoli distanze . Ogni intervento sul sistema, a partire dalla  semplice osservazione, provocherà il cambiamento di una delle due particelle ma, istantaneamente, causerà una modifica nell’altra a cui è legata. La

Nel nostro “andar per questa vita”, poco ci soffermiamo a filosofeggiare sul significato ultimo delle cose, eppure è nell’investigare che si comprende la struttura della nostra cultura, del nostro apparato cognitivo e il nostro animo.   Il concetto della bellezza, per esempio. Malgrado sia un termine di uso comune la bellezza è un concetto sfuggevole, la cui denotazione è piuttosto complessa.  Il motivo è la sua  dipendenza da un intreccio difficile da analizzare se non

Quando c’è l’imperfezione nella perfetta macchina funzionante che è il corpo umano, qualcosa comincia ad incepparsi; può essere qualcosa di lieve che può passare quasi  inavvertita,  fino a qualcosa che causa delle vere e proprie disabilità. Nel nostro vivere diamo per scontate molte cose perché siamo abituati al loro perfetto funzionamento. Non prendiamo in considerazione che tutto può cambiare,  una frazione di secondo, all’improvviso, la vita che avevamo prima non esiste più e ci ritroviamo

Cerchiamo la morte nell’assenza spesso è nella presenza che qualcosa silenziosamente e ineluttabilmente muore. Muore la felicità in un amore negato, muore la speranza nell’indifferenza, muore il rispetto nella violenza, muore la pace nell’odio. Ma come  ogni estremo ha la sua controparte anche la morte è fautrice di nascita. Nello stesso istante in cui la morte muove i suoi passi diventa madre di nuovi figli, e come la notte fa spazio al giorno e il

L’uomo per quanto si sforzi non riesce ad avere una mente razionale e meccanica, al contrario, tutti i fattori mentali possiedono delle caratteristiche uniche che influenzano totalmente le esperienze e la lettura della realtà che diventano così interpretazioni strettamente soggettive. La riflessione su questo aspetto fondamentale, porta a considerare che tutti i cambiamenti di percezione e di interpretazione degli accadimenti dipendono in realtà dal mondo interno all’essere umano, assoggettato alla predisposizione mentale nell’istante in cui

Quando si affrontano discorsi sulla perdita si tende a pensare esclusivamente alla morte, vorrei evidenziare che l’elaborazione del lutto comprende un ben più vasto campo di significati: un genitore che si separa, la perdita della propria casa, il trasferimento in un’altra città o semplicemente lo smarrimento del pelouche preferito .Tutti gli eventi che in qualche modo ci colgono impreparati hanno, come peculiarità, un particolare grado di traumaticità In generale, gli adulti tendono ad avere atteggiamenti

Nel buio ti vedo forma lieve. Eppure ti ho perso. Svanita senza voltarti. Spettro del sentimento fuggito Cristallizzato nel suo diniego. Non c’è riconciliazione né salvezza nell’inviso riconoscimento del reciproco affanno nel vederti andar via la luce ha svenduto la sua natura In quella forma opaca l’amore si è addormentato Nel cercare risposte troppa pena lo ha dilaniato E infiniti giorni mi hanno sorpreso a misurare  distanze che solo le lacrime hanno colmato. Oggi ti

Quando ti guardo penso alla mia vita. Cerco negli angoli nascosti il suo significato. Avvicinando il mio orecchio al tuo cuore ne comprendo la trama. Non so se un giorno, quando arriverò alla fine del mio universo, mi sporgerò in avanti in attesa di un Io felice. So che ora sono qui di fronte a te Vita, a farti mille domande e desiderare una sola risposta, quella giusta. Non so se un giorno, guardando oltre

Il mio sogno finisce all’alba. I timidi bagliori ne confondono i contorni e rimandano il copione a una notte futura. Nato sotto le stelle cobalto, muove i suoi passi nella quiete dell’abbandono. L’anima sostituisce l’azione agli occhi e  sinuose figure nascono. Una volontà non riconosciuta decide per noi così, sul palcoscenico dell’onirico mondo, recitiamo un copione non nostro. Attori di speranze parlate riempiamo l’aria di suoni muti. Chi dice che il buio fa paura? Mi

Il gioco infantile è lo spazio dove depositare e intrecciare contenuti interni ed esterni e con il quale il bambino impara a conoscere l’esistente a a interpretare l’esistenza. E’ un impulso che nasce dal concetto del Principio di piacere il quale, col tempo, origina nel bambino una graduale organizzazione di eventi emotivi interni e realtà esterne interiorizzate. Gli eventi interni ed esterni maturano e riflettono i loro significati nella manifestazione visibile del gioco.

La D.C.P.A. è una metodologia terapeutica innovativa sia nei metodi di analisi che nelle tecniche che utilizza. Gli assunti che sottendono ogni azione di aiuto sono proiettati nella presa di coscienza dell’unicità di ognuno di noi. Nel percorrere la vita, la polarità degli opposti può diventare troppo disfunzionale, caotica e prorompente; le ragioni sono molteplici: possono accadere fatti imprevisti che sconvolgono la nostra esistenza, lutti, separazioni, malattie o disabilità. Quando le energie si ingorgano a causa

Alla tua dipartita sì precoce  e inaspettata Il mio cuore fiotta lacrime di dolorosa sorpresa. Nell’attimo stesso del tuo inequivocabile addio, si erge il saluto di chi noi siamo. Cosa siamo se non meteore che nel loro traversar danno casa alle tracce del loro vissuto. Ospiti del mondo che nel loro vagar sono precipui testimoni delle maree. Noi siamo e poi non siamo più, confusi tra le ombre riflesse sulle tombe. Nel comune essere visibili

L’estate si avvicina e cresce la voglia di colori, fragranze ispirate al sole, al mare, alla leggerezza e alla libertà. Il Centro Biopsicodinamico Nerudo ha il piacere di invitarvi il 18 giugno 2015 alle ore 20 in Via Donatello, 35 a un Cocktail Party all’insegna dell’estate con un percorso olfattivo sensoriale che avvolgerà i vostri sensi. Mi raccomando Dress Code il VERDE Voi aspettiamo numerosi. per info info@nerudo.it  tel 333-7642474

Vorrei colorare il cielo Così che tu alzando lo sguardo possa vedere l’arcobaleno. Vorrei camminarti a fianco E svelarti le mille forme che animano il mondo. Avrei voluto figlio mio! La vita non ha svelato le sue carte, e io stupido ne ho barattato il valore per cercare una tregua mai avvenuta. Nel fondo di mille bottiglie. ho trovato solo i miei mostri ad attendermi. Non c’erano ne riscatti ne paradisi. E Il tempo creduto 

Romana  e Chicca inaugurano i mercoledì dedicati a noi donne. Dal 4 marzo ogni mercoledì del mese dalle 20,30 alle 22,30 al Centro Psicobiodinamico NERUDO in Via Donatello, 35 Milano tel.333-7642474 oppure tel. 02-70635525 E’ richiesto un contributo di 5€ ad incontro a copertura delle spese. Sfoghi, discussioni, condivisione, solidarietà, possibilità di trovare appoggi nel gestire o cambiare la quotidianità, divertimento, elaborazione dello stress. Ma soprattutto, persone che come te percepiscono il ritmo

In quell’apparenza di carta crespata La mia pelle traduce i solchi in vita vissuta. Ogni momento la fatica di ammettere il vero rende specchiarsi sempre più duro. Nel riportare alla mente gli amici scomparsi Riconosco la mia grande fortuna avere un corpo. Scrigno del mio pensiero e veicolo delle mie emozioni. E se anche i miei capelli, il viso, le mani, sembrano appartenere ad altri sono lo spazio della mia conoscenza. Un sapere semplice e