L’Ayurveda nella preparazione allo sport e al trattamento delle lesioni sportive.

Condividi

Movimento e sport.

Per chi vuole praticare sport  è molto importante dedicare attenzione alla preparazione del corpo ad affrontare lo sforzo fisico in modo funzionale, diventa essenziale quando si ha in programma un’intensa attività che richiederà altrettanto allenamento psico-fisico

E’ bene non sottovalutare questo passaggio se non  ci si vuole trovare bloccati a letto con quello sgradevole dolore causato da un surplus di acido lattico, o con le articolazioni infiammate o peggio.

Allenamento e trattamenti mirati predispongono i muscoli al rilassamento, accentuano l’elasticità deii tendini, fanno si che le articolazioni  siano maggiormente lubrificate.

L’Ayurveda tonifica, rilassa e rende elastici i tessuti.

Allo Spazio Nerudo abbiamo elaborato un trattamento ayurvedico con basi scientifiche per aiutare gli sportivi e gli atleti a ottenere vigore  e tono., ad esempio Il Panchakarma e il Pathu Swedana,  che hanno azione disintossicante,  in cui vengono utilizzate erbe specifiche come le foglie di Aloe Barbadensis e l’estratto dai semi di Pomgamia Pinnata ed oli caldi medicinalia base di Moringa Oleifera e Asparagus Racemosus.

Una di queste pratiche è l’uso del Tandulodaka, l’acqua in cui è stato lavato il riso per 4 volte e poi messo a bagno per 9 ore. In questo liquido ricco di sali minerali e amido immergiamo fasce di cotone che vengono sucessivamente applicate su parti specifiche del corpo . A quest’acqua vengono tradizionalmente attribuite particolari proprietà antifiammatorie e lenitive, il Muriabyangam, per lavorare sulle articolazioni  e il sistema muscolo-tendineo che aiuta a sbloccare le contrazioni e le tensioni.

Medicina antica, tecnologia moderna al servizio delle attività sportive.

Negli anni che ho passato in India a lavorare nell’ospedale di Leh ho avuto l’opportunità di collaborare con medici ayurvedici del luogo, e con i medici amci della tradizione tibetana.   l’ulteriore opportunità di partecipare al programma dell’Università di Nuova Delhi riguardo all’approccio ayurvedico alla riabilitazione neuromotoria mi ha insegnato molto sulla ricchezza  terapeutica della medicina indiana.

Grazie a queste collaborazoni ho lavorato   su un approccio integrato e innovativo per il trattamento delle lesioni.

 Le  tecniche moderne di diagnosi scientifica e gestione dei principi della medicina sportiva,  l’uso di fitoterapici ayurvedici di nuova generazione e trattamenti specifici risultano essere benefici sia nella prepazione atletiche sia nei casi di: lesioni come gomito del tennista, dolore al tallone (fascite plantare, sperone,  sindrome di haglung,  tendine d’Achille, tenosinovite, danno all’inguine, tendinite rotulea, tendinite sovraspinata.

Risultati.

Molte condizioni chirurgiche come la rottura del menisco, della cuffia dei rotatori, del legamento, la frattura del condiloide la  lussazione della rotula, della spalla, possono essere trattati efficacemente con le manipolazioni dell’Ayurveda, così come il dolore alla schiena, al collo a causa della malattia del disco intervertebrale,

Possono essere trattati e recuperati in buona parte  in un lasso di tempo più breve con il metodo integrato anche disagi fisici come il rigonfiamento del disco, il prolasso, la protrusione.

Per prenotare il tuo consulto telefonaci al 333.7642474, oppure scrivici a info@nerudo.eu